Statement

Napoli viene spesso raccontata attraverso stereotipi che ne semplificano la sua natura sfaccettata non permettendo di percepire la complessità di questa città. Per questo in linea con l’identità e gli interessi di chi la vive ogni giorno, raccontiamo di e facciamo esperire una Napoli contemporanea, innovatrice, costantemente in trasformazione. Una città che, anche se legata alla sua forte e chiara identità, a cui riferiscono i suoi abitanti, resta costantemente in bilico fra tradizione ed evoluzione, un “museo” a cielo aperto del reale e dell’immateriale che parla i linguaggi popolari per relazionarsi al contemporaneo. Una città che anche quando la sua bellezza la porta a diventare un forte attrattore turistico non si lascia corrompere dal diventare una cartolina patinata ma resta fedele a se stessa ed alle sue mille contraddizioni.
Così, attraverso le attività culturali, gli eventi e la stessa attività ricettiva, SuperOtium propone nuovi punti di vista e prospettive attraverso le quali guardare Napoli e non solo, stimolando la possibilità di costruire nuovi significati a quanto quotidianamente osserviamo. La cornice è quella del viaggio dove abbiamo la possibilità di osservare le cose fuori dal solito punto di vista, vivere nuove esperienze ed entrare in contatto con nuove culture. Lo strumento è quello dell’incontro fra persone attraverso un costante scambio e dialogo fra i viaggiatori, gli artisti, i curatori e i creativi in residenza, gli artisti, i creativi e i curatori locali, i musei e tutti gli enti ed organizzazioni indipendenti a vocazione culturale e creativa che aderiscano a questa visione.

Residency program


Il programma di residenze di SuperOtium nasce per sostenere quella naturale propensione di Napoli di essere luogo di ispirazione di nuove progettualità creative ed artistiche. Il nostro interesse è quello di ibridare le visioni mettendo in contatto punti di vista differenti per creare nuove narrazioni della città.
Il tema delle residenze è quello del punto di vista e di come le pratiche artistiche e creative possono agire su questo. La cornice è quella del viaggio e quindi il contesto dove uscendo dalla nostra quotidianità ci apriamo alla scoperta di quanto diverso da noi o semplicemente sconosciuto.
Il nostro programma per artisti e creativi si compone di diverse call che possono essere consultate a seguire. Periodicamente le call vengono aggiornate grazie alla presenza di nuove partnership o obiettivi. Alcune delle call sono orientate alla ricerca ed altre alla produzione.

A tutti gli artisti e creativi in residenza chiediamo di interagire con la città cercando di osservarla sotto punti di vista inusuali, dialogare con i nostri ospiti raccontando il proprio lavoro e la propria visione della città, lasciare una traccia del loro passaggio con per esempio un’opera in conto-vendita. Durante tutta la loro permanenza il team di SuperOtium si impegnerà a dare loro le chiavi di accesso della città aiutandoli a cercare le relazioni, i luoghi, le informazioni e i fornitori necessari allo sviluppo del proprio progetto e ricerca.

Eventi

novembre

dicembre 2018

gennaio
L
M
M
G
V
S
D
26
27
28
29
30
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
1
2
3
4
5
6
Eventi di dicembre

1st

Nessun evento
Eventi di dicembre

2nd

Nessun evento
Eventi di dicembre

3rd

Nessun evento
Eventi di dicembre

4th

Nessun evento
Eventi di dicembre

5th

Nessun evento
Eventi di dicembre

6th

Nessun evento
Eventi di dicembre

7th

Nessun evento
Eventi di dicembre

8th

Nessun evento
Eventi di dicembre

9th

Nessun evento
Eventi di dicembre

10th

Nessun evento
Eventi di dicembre

11th

Nessun evento
Eventi di dicembre

12th

Nessun evento
Eventi di dicembre

13th

Nessun evento
Eventi di dicembre

14th

Nessun evento
Eventi di dicembre

15th

Nessun evento
Eventi di dicembre

16th

Nessun evento
Eventi di dicembre

17th

Nessun evento
Eventi di dicembre

18th

Nessun evento
Eventi di dicembre

19th

Nessun evento
Eventi di dicembre

20th

Nessun evento
Eventi di dicembre

21st

Nessun evento
Eventi di dicembre

22nd

Nessun evento
Eventi di dicembre

23rd

Nessun evento
Eventi di dicembre

24th

Nessun evento
Eventi di dicembre

25th

Nessun evento
Eventi di dicembre

26th

Nessun evento
Eventi di dicembre

27th

Nessun evento
Eventi di dicembre

28th

Nessun evento
Eventi di dicembre

29th

Nessun evento
Eventi di dicembre

30th

Nessun evento
Eventi di dicembre

31st

Nessun evento

Artisti in residenza

HyperEden

La prima residenza di SuperOtium è stata quella degli Hypereden, un collettivo di architetti, designer e allestitori, che ha curato il progetto di interni di SuperOtium. Un progetto di ristrutturazione attento ai dettagli ed al recupero della sua natura e di ciò che lo circonda ha reso SuperOtium un luogo adatto a far convivere la classica ospitalità con eventi, mostre, cene con artisti, workshop. Il progetto di allestimento, portato avanti dagli Hypereden ha cercato di realizzare una mediazione tra l’essere altrove e la ricerca del domestico, connotazione tipica del viaggiatore, proponendo un tipo di accoglienza capace di creare un senso di appartenenza, ma allo stesso tempo far percepire la permanenza come un’esperienza sensibile e personale.

Gianluca Panareo

In qualità di partner del culturale del progetto Aperture ideato da Riot Studio e Tecnosistem con lo scopo di invitare artisti contemporanei a reinterpretare la relazione della città con luoghi storici e culturalmente significativi, SuperOtium ha ospitato in residenza Gianluca Panareo autore dell’installazione performativa “Memini” curata da Marco Izzolino. La residenza di Gianluca ha coinciso con l’apertura di SuperOtium e grazie ad uno stretto confronto con l’artista, il curatore ed il Riot abbiamo potuto sperimentare il modello di residenza e come farla dialogare con Napoli. “Memini” si struttura come un percorso, un’ascesa dantesca attraverso gli aspetti caratteristici della città, da quelli pi oscuri ed infernali a quelli più sublimi ed elevati. Un’indagine sulla città, sulle sue caratteristiche più intrinseche, che la rendono una cittàunica, viva, vulcanica, refrattaria alla gentrificazione e alla spersonalizzazione.

Kensuke Koike

Inserita nel programma di residenze artistiche di SuperOtium, in collaborazione con Ciocca Arte Contemporanea ed in contemporanea con il lancio del nuovo bando di residenze dal 2 al 14 maggio 2018 si tiene la residenza di Kensuke Koike. Kensuke è un artista giapponese che, attraverso la rielaborazione analogica ed intrisa di illusioni visive di immagini prese da cartoline, foto, riviste, induce l’osservatore ad interrogarsi sul senso di realtà. Kensuke usa la carta per creare delle sculture che riescono a prescindere il senso della terza dimensione minando alla stabilità dell’immaginario visivo di chi le osserva. Grazie ad un lavoro meticoloso e preciso trasforma immagini reali tagliandone pezzi che vengono poi ricollocati all’interno della stessa immagine in modo verosimile ma attribuendole nuovi significati.
La scelta di ospitare Kensuke in residenza nasce dall’attinenza fra il suo lavoro ed il tema che accompagnerà i diversi bandi di residenza che saranno lanciati a metà maggio, incentrati sull’esplicitazione del punto di vista. L’idea è quella di condurre artisti ed ospiti a ragionare sulle possibili e nuove prospettive da e attraverso cui guardare Napoli.

Opere

La nostra home gallery si arricchisce ad ogni incontro, residenza e collaborazione di opere in conto vendita o da visionare. Quello che accomuna tutte le opere scelte è la capacità di stimolare nell’osservatore la ricerca di nuovi punti di vista con cui guardare Napoli ma non solo.

Memini

Autore: Gianluca Panareo

Le cinque fotografie costituiscono l’atto finale – ma non conclusivo – di un esperienza di ricerca artistica che si è svolta a Napoli nel corso della prima metà del 2017. Si è trattato di un progetto, dal titolo MEMINI, ideato dall’artista Gianluca Panareo, che ha fatto parte del primo atto, pilota e sperimentale, di una manifestazione artistica denominata APERTURE. Questa manifestazione, progettata dal Riot Studio di Napoli, è stata pensata per tracciare percorsi inediti nella città partenopea attraverso lo sguardo degli artisti e la loro pacifica invasione di spazi storici (o culturalmente significativi) con interventi site-specific capaci di attrarre cittadini e visitatori per visitarli con “occhi nuovi”.
Per saperne di più: aperture.riotstudio.it

Portable ground

Autore: Simona Da Pozzo

[Textdiv]
fotografia | Mis UT07 carbon print su carta Hahnemuhle Pearl 320g montata su alluminio | edizione 1/5 | dimensioni: 75×120 cm.
Pau> Paris> Milano fa parte del progetto Portable Grounds che Simona Da Pozzo gestisce dal 2009. Sposta pezzi di terra da un luogo all’altro per costruire punti di accesso di Ubiquity: piccole porzioni da qualche altra parte, spot che consentono ai passanti di essere dentro posti diversi allo stesso tempo. I passanti sono chiamati ad interagire con il Ground Portable durante i suoi spostamenti: l’artista chiede alle persone di aiutarla ad accudire il Portable Ground e di condividere il “peso di appartenenza”, aprendo così riflessioni su questioni come sentirsi straniere, il concetto di frontiera e cittadinanza. Un contenitore trasparente mostra la composizione del terreno (asfalto) e le coordinate della sua posizione originale, consentendo una costante ricontestualizzazione dell’oggetto e la reinterpretazione.
Pau> Paris> Milano è una foto realizzata nell’ambito di questo intervento e delinea il contrasto tra il suolo, come qui ed ora, e l’orizzonte come weltanschauung.
[/Textdiv]

Little Gatekeeper

Autore: Kensuke Koike

Little Gatekeeper – 2013 – switched vintage photo – 11.5 x 7 cm – ©Kensuke Koike
Little gatekeeper (piccolo guardiano del cancello) ritrae un un bambino che pratica l’arte del guardiano di una porta dimensionale. L’opera nasce infatti dall’idea di un mondo dove siano presenti varie porte dimensionali per altri mondi presidiati da altrettanti guardiani che aiutino a passarle. Questo lavoro esprime in maniera evidente ed ironica il pensiero di Kensuke – “Quando hai un’immagine le hai tutte”-  dove le porte permettono di passare da un immagine alle sue infinite trasformazioni. Nella lavorazione di quest’opera, rispettando la regola di includere solo elementi già presenti nell’immagine con taglia e incolla analogici, Kensuke ha cercato il modo di uscire dal rettangolo creando così l’elemento circolare che fuoriuscendo dall’immagine riesce ad includere il vuoto nel pieno.

Un Maiale e un Elefante

Autore: Isotta Bellomunno

Un maiale e un elefante – 100 copie numerate e firmate
“Un maiale e un elefante” è una raccolta di sogni, storie e pensieri personali. Sessanta tavole dai colori vivaci che non hanno bisogno di parole cosi che ognuno possa riscoprirsi in uno dei personaggi, riconoscendo nelle loro azioni, la propria storia, la propria vita. Storie fatte di aggressività, di rapporti complessi, e difficoltà di comunicazione, ma che in fondo, hanno sempre un lieto fine.

Masquerade

Autore: Kensuke Koike

Masquerade – 2014 – switched vintage photo – 13.5 x 8.5 cm
Masquerade (mascherata) costruisce una maschera che copre il volto della persona ritratta nell’immagine. Questa maschera non solo nasconde la faccia ma altera completamente la fisionomia della persona. Dietro la foto restano però le tracce della sua vera identità in quanto la maschera si realizza tagliando e invertendo fronte-retro di una porzione dell’immagine. Una trasformazione che, attraverso il nascondere una parte del corpo, rende “strana” una persona “normale”. Attraverso la ricerca geometrica, la prospettiva e le ombre viene nascosta la normale fisionomia della persone. Una censura parziale, come quella praticata dalla comunicazione dei mass media, che riesce a trasformare la percezione della realtà.

Attività

Consulta le nostre attività che ti permetteranno di scoprire Napoli attraverso i luoghi, i percorsi, le attività e lo sguardo di chi la vive ogni giorno e rendere così speciale il tuo viaggio

The Insider Path

A cura di: In Side Here

The Insider Path, è un percorso “alla deriva” che si articola prendendo in considerazione le esigenze, le curiosità e gli interessi del visitatore, senza mai un percorso fisso ma solo attraverso vaghi punti di riferimento. l’itinerario si costruisce strada facendo e diventa un modo speciale per conoscere la città. “Dimmi cosa ti piace e ti ci condurrò” , questa è la filosofia alla base della passeggiata che guiderà i visitatori alla scoperta dei luoghi di chi ha imparato a conoscerla vivendoci e studiandola. Gallerie e studi d’artista; locali e musei nascosti; ristoranti etnici; fast food e tradizioni poco tradizionali sono solo alcuni spunti da cui partire per conoscere una Napoli che non credevate esistesse. Per informazione e prenotazione project@superotium.it.

Artistic Paths

A cura di: In Side Here

Gli Artistic Paths sono dei percorsi d’ artista nati dal pluriennale progetto Nomicosecittà, che per quattro anni ha guidato folti gruppi di persone alla scoperta della città di Napoli da un punto di vista privilegiato e cioè quello di diversi artisti che ci vivono e lavorano. Il materiale e il lavoro raccolto in questi anni ci ha permesso di costruire una rete di itinerari che conducono il visitatore a conoscere insoliti luoghi della città legati alla vita e all’immaginario di numerosi e importanti artisti che vi operano. Per informazione e prenotazione project@superotium.it.

Itinerario Food&Art

A cura di: In Side Here

La cucina è una delle rappresentazioni più immediate della cultura di un popolo. Le abitudini alimentari di una comunità, sono un prodotto culturale tanto quanto lo è il patrimonio artistico. Visitare un monumento degustando prodotti tipici è uno dei modi più efficaci e affascinanti per esplorare la città. A questo scopo nasce Food&Art, un itinerario che valorizza il nostro patrimonio artistico e culinario. Il percorso si articola in modo da associare ogni monumento visitato a una gustosa pietanza tipica dell’area visitata. Per informazione e prenotazione project@superotium.it.

Your own souvenir

A cura di: SMMAVE

Nella fantastica cornice dello SMMAVE centro di arte contemporanea all’interno della chiesa di Santa Maria della Misericordia ai Vergini del 1730 con un Ipogeo datato 1530, verrà tenuto dagli artisti dello SMMAVE un workshop base di scultura. Dopo una visita alla chiesa, al suo ipogeo ed una veloce introduzione teorica, i partecipanti saranno invitati a produrre il proprio souvenir da portare con loro. Ogni gruppo lavorerà su un nuovo tema adatto a loro. Per informazione e prenotazione project@superotium.it.

Cooking class

A cura di: Gusto Sano Napoletano

Gusto Sano Napoletano ci invita a casa sua, nella zona tipica di Montesanto, per scoprire nuovi e nuovi sapori. Attraverso la cooking class gli ospiti apprenderanno come combinare ricette della cucina tradizionale per ottenere un perfetto equilibrio di nutrienti ed avere quindi piatti sani ma prima di tutto gustosi. La classe terminerà con una cena collettiva. Per informazione e prenotazione project@superotium.it.